Screen

Profile

Layout

Direction

Menu Style

Cpanel

DROGA.... :La cocaina procura effetti negativi sia a livello fisico che psichico

  • PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

La cocaina procura effetti negativi sia a livello fisico che psichico.

La cocaina è un composto che viene estratto da una pianta "la coca" (Eritroxilon coca) è una pianta della famiglia delle Erythroxylaceae originaria delle regioni tropicali centro e nord-occidentali dell'America del Sud . Si tratta di un arbusto o piccolo albero di 2-3 metri d'altezza, con foglie alterne di un verde intenso. I piccoli fiori bianchi producono una drupa rossastra contenente un solo seme.
La coca è una pianta a portamento arbustivo che rimane produttiva anche fino all'età di 15 anni.
Classificata in passato all'interno dell'ordine delle Linales, con la più recente classificazione filogenetica viene considerata parte dell'ordine delle Malpighiaceae.
Dalle foglie della pianta della coca si ricava la cocaina, uno stupefacente.
I principali produttori mondiali di foglie di coca sono la Colombia, il Perù, la Bolivia,e il Brasile. L'estensione delle coltivazioni è molto variabile, secondo i programmi dei rispettivi governi e l'azione dello sviluppo alternativo alle coltivazioni, con incentivi offerti da vari paesi, e normalmente canalizzati dalle Nazioni Unite, per riconvertire le coltivazioni di coca in prodotti legali.

Orientativamente in Colombia si coltivano poco più di 100.000 ettari, in Perù attorno a 50.000 e in Bolivia 30.000.
In Colombia le coltivazioni, dopo anni di incremento, si sono, secondo informazioni ufficiali, stabilizzate anche per l'ampio uso delle forze militari e il polemico utilizzo di aerei aspersori di erbicidi molto potenti (glifosato). L'irrorazione aerea ha provocato anche le proteste del governo dell'Ecuador, sia per gli effetti negativi sull'ambiente delle foreste amazzoniche sia per quelli sulle popolazioni e le coltivazioni legali di queste.
In Perú e, soprattutto in Bolivia, le coltivazioni, dopo alcuni anni di riduzione o stabilizzazione, si stanno reincrementando rapidamente per il ritorno al uso indigeno ed originale di questa pianta. La Colombia continua ad essere il produttore numero uno di cocaina nonostante la minor coltivazione e la maggiore proibizione.
Nonostante il vero stupefacente, la cocaina, si estragga chimicamente attraverso un processo complesso ed utilizzando rilevanti quantitativi di foglie, la foglia stessa di coca è considerata dalle Nazioni Unite uno stupefacente ed il suo uso legale e tradizionale è limitato solo ad alcuni paesi o regioni (tutta la Bolivia, tutto il Perú, il nord dell'Argentina, alcune regioni colombiane, come la Sierra Nevada de Santa Marta, dove è usata solo dalle popolazioni indigene Arhuaco, Aymara, Kogi e Wiwa).
Le popolazioni locali usano masticarne le foglie per diminuirne la fame, la sete, la fatica. Fu introdotta in Europa come terapia per il divezzamento della dipendenza da morfina, ma presto ci si rese conto che gli effetti della cocaina, dal punto di vista della dipendenza sostituivano quelli della morfina. In altre parole si riusciva ad eliminare la necessità di assumere la morfina, solo al prezzo di continuare a consumare la cocaina. La via di assunzione era diversa da quella usata dalle popolazioni dell'America del Sud; in occidente infatti la cocaina viene fiutata per via nasale.
Questo tipo di somministrazione è stata condizionata dal fatto che. poiché i suoi effetti sono passeggeri, si richiedevano somministrazioni frequenti, Un'altra via di somministrazione è quella per iniezione, ma in questo modo si ha un effetto anestetico locale che porta ad una temporanea perdita di sensibilità in corrispondenza della zona di inoculazione. D'altro canto, la brevità dei suoi effetti, costringeva a dover fare molteplici iniezioni, cosa che risultava molto scomoda. Gli effetti della cocaina variano a seconda della via di somministrazione; come abbiamo già detto la cocaina può essere masticata e in questo caso l'effetto si limita ad una riduzione della sensibilità agli stimoli della fame, della sete e della fatica. Ben più vari e complessi sono invece i suoi effetti quando venga annusata. Distinguiamo;
1. Effetti locali: questi sono dovuti all'azione di vasocostrizione, tipica della cocaina. Tali effetti si rendono particolarmente evidenti a livello del naso e dei polpastrelli delle dita. Nel naso infatti, il continuo fiutare la polvere induce una notevole vasocostrizione, la cui conseguenza è una scarsa vascolarizzazione delle cellule del setto nasale; queste cellule ricevono quindi poco ossigeno dal sangue e vanno con il tempo, incontro alla morte. Le più colpite sono le cellule che costituiscono il setto nasale; tipica alterazione degli assuntori di cocaina è infatti la perforazione del setto stesso. Sui polpastrelli gli effetti sono gli stessi e si producono quindi delle ulcere, cioè delle ferite poco sanguinanti che non guariscono. Per questo motivo spesso i tossicodipendenti usano manipolare la sostanza con rotolini di carta o con altri materiali che impediscano il contatto diretto con le mani.
2. Effetti generali: la dose giornaliera inalata si aggira intorno al grammo, ma negli stati cronici spesso si raggiungono anche tre o quattro grammi. Alla prima esperienza non sempre gli effetti sono piacevoli; si possono avere infatti sconcertanti sensazioni di freddo, di debolezza agli arti tanto da non potere stare più in piedi, nausea accentuata ed irrequietezza psichica.
Questi fenomeni negativi sono rapidamente sostituiti, in seguito a ripetute assunzioni, da effetti euforizzanti. Il tossicomane prova una sensazione di benessere, è convinto di poter pensare più facilmente, ha più fiducia in se stesso, prova un senso di potenziamento delle proprie capacità fisiche che si manifesta con un dinamismo accentuato. Sente di avere anche una maggiore potenza sessuale. Terminato però l'effetto della droga subentra uno stato di depressione con sensazione di notevole debolezza, di tristezza, di ansietà, di incapacità a compiere qualsiasi attività.
Questo stato di profonda prostrazione sia fisica che psichica spinge il soggetto ad assumere nuovamente la droga. Ben presto questa tendenza continua ad aumentare sempre di più la frequenza delle somministrazioni, porta conseguenze talvolta irrimediabili; tali conseguenze si possono dividere in:
1. Conseguenze fisiche: gli effetti della droga e del suo abuso si fanno vedere molto presto ed è raro invece che si presentino solo dopo 2 o 3 anni di assunzione. Esse consistono in tremori diffusi, palpitazioni, cioè una sensazione angosciosa di percezione del proprio battito cardiaco che risulta accelerato; tate sensazione è comunemente detta «cuore in gola». Si ha inoltre una completa mancanza di appetito cui consegue notevole dimagrimento e flaccidità della carne; il volto è cadaverico, gli occhi sono infossati, si ha impotenza sessuale completa, compare una profonda insonnia con incapacità quasi totale a dormire.
2. Conseguenze psichiche: I fenomeni più frequenti e drammatici consistono in una notevole riduzione delle capacità di pensiero; la memoria appare molto compromessa, compaiono allucinazioni e deliri di persecuzione e di gelosia, sì ha una notevole variabilità dell'umore che passa da stati di quasi completa apatia a stati di eccitazione. Le allucinazioni sono fenomeni molto frequenti, quasi costanti negli stadi cronici, e finali del cocainismo.
Distinguiamo allucinazioni visive con visione di colori e movimento, colori che difficilmente corrispondono a colori reali, e allucinazioni tattili che sono forse le più gravi: si manifestano con un prurito diffuso, come se il corpo fosse coperto di insetti. Il soggetto reagisce a questa sensazione grattandosi violentemente producendosi graffi e asportandosi, a volte, lembi di pelle, senza peraltro riuscire a far cessare il prurito. Talvolta ricorre all'uso di oggetti acuminati o di pinze, trafiggendosi nella speranza di riuscire cosi ad estirpare i parassiti.
Le conseguenze di un tale comportamento sono facilmente immaginabili, la sospensione della droga non crea generalmente gravi disturbi fisici, cioè non produce una sindrome da astinenza ma, poiché la dipendenza psichica è notevole, negli assuntori si creano dei problemi di comportamento in quanto essi sono disposti a tutto pur di superare la crisi di angoscia provocata dalla mancanza della dose. Va infine sottolineato che, pur essendo oggi abbastanza diffuso, il cocainismo va inquadrato come un fenomeno di tipo sodale ricreativo; in altre parole l'assunzione della droga viene effettuata molto spesso nel corso di “parties". per movimentare l'ambiente.
Persone quindi che non avrebbero grande interesse sono spinte a provare per non fare la figura dei “guastafeste" e prendono poi l'abitudine. Molto uso ne fecero e ne fanno tuttora gli ambienti di tipo pseudo intellettuale. e gli artisti di poca fama che la ricercano per i suoi effetti di apparente aumento delle capacità creative e per le allucinazioni con ricchezza di colori che possono offrire buoni spunti per quadri astratti. In conclusione si può affermare che la cocaina sia una sostanza pericolosa non tanto per i suoi effetti sul fisico che con un pò di buona volontà, si potrebbero anche considerare trascurabili, quanto principalmente per gli effetti psichici che comporta e per la lenta ma progressiva distruzione affettiva che causa nell' assuntore abituale.

 

 

 

Risultati immagini per foto bevanda redbull

 

Risultati immagini per tecnologia del futuro 2050

Inserisci il tuo Banner

  • Tel.+39/0113723030
  •  

  • https://www.ferrari.com./it-IT

     

    Risultati immagini per foto ragazze moto 2017

     

  •  

     

     

     

    Risultati immagini per foto ragazze moto 2017

     

     

     

     

  • http://www.coca-cola.it/
  •  

     

     

  •  

  •  

     

    Risultati immagini per foto donald trump presidente

    Risultati immagini per foto ragazze moto harley davinson

     

  • http://www.ducati.com/
    • Inserisci il tuo Banner

    • Tel.+39/0113723030

     

    • Red Bull Energy Drink Lattina

    web 2

    MusicGianna Nannini - Fenomenale

    web News

    libera stampaDJ Khaled - Wild Thoughts ft. Rihanna, Bryson Tiller
    Tot. visite contenuti : 2127739

    Informazione Libera

    web 1

    comunicazioneBaby K - Voglio ballare con te ft. Andrés Dvicio

    Triangolo

    Katy Perry - Swish Swish (Official) ft. Nicki Minaj

    CONTACT US

    http://www.piemonteopinioni.org/

     

    presidente@piemonteopinioni.org

     

    redazione@piemonteopinioni.org

    +39/0113723030

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    TORINO in v. Alfonso Ogliaro n. 34 Troverai:

    servizio di compilazione 730 - unico - ISEE -

    imu - red - detrazioni - comunicazioni INPS -

    prestazioni sociali agevolate e altro

    Centro Servizi :  tel. e Fax 0113723030

    caf.torinoviaogliaro@libero.it